Inverno: stagione di potatura

Vigneti. Uve. Vino. Nulla di tutto questo sarebbe possibile se non avesse luogo, proprio nel gelido e brullo periodo invernale, uno dei momenti più importanti dell’intero anno: la potatura secca.

Qui, tra i filari dove la terra è fredda e l’aria glassata per le basse temperature. Qui, dove tutto sembra immobile e dormiente, come se giacesse celato sotto le maglie di un potente sortilegio, pulsa, in realtà, una vita che necessita di essere accompagnata. Una vita prossima a rivelarsi e che solo la mano sapiente dell’uomo può guidare verso quella sua massima espressione che noi tutti conosciamo e apprezziamo: vigneti, uve, vino.

E’ inverno, anche se non sembra, e anche noi della Cantina Maranzana ci stiamo dedicando alla potatura secca, procedimento indispensabile per assicurare la longevità produttiva della pianta, per mantenere la forma di allevamento impostata e per controllare la quantità e la qualità del prodotto finale.

Come? Agendo direttamente sul carico di gemme lasciato su ciascuna pianta.

potatura

La forma di allevamento più comune nella nostra zona è il Guyot.

guyot

La potatura può essere distinta in tre fasi:

  • passato : ciò che è stato lasciato nell’anno passato sulla pianta.
  • presente : l’insieme di vegetazione sulla quale si dovrà effettuare la potatura.
  • futuro : ovvero quello che, nelle attuali condizioni, si intende lasciare per l’anno a venire.

A seconda della lunghezza dei tralci lasciati con la potatura si parla di potatura corta o lunga. Quest’ultima è quella utilizzata per i nostri allevamenti a Guyot.

Nell’allevamento a Guyot, si tende ad eliminare tutta la vegetazione ad eccezione di un tralcio vecchio di un anno e un piccolo sperone, ovvero una porzione di tralcio di dimensioni ridotte, portante due o tre gemme.

Il carico di gemme lasciato per ciascuna pianta condiziona il numero di grappoli ottenibili e deve essere scelto considerando soprattutto la fertilità del suolo, in modo da raggiungere un equilibrio ottimale tra foglie e grappoli, fondamentale per l’ottenimento di uva di qualità.

guyot

La formazione di un numero di grappoli eccessivamente elevato rispetto alle potenzialità della pianta contrasterebbe con la possibilità di ottenere uva di qualità. Come un numero di grappoli eccessivamente basso.

È buona norma, infine, terminare la potatura prima dell’inizio del pianto, ossia lo sgorgare della linfa dalle ferite prodotte con i tagli di potatura, il quale segnala il risveglio dell’apparato radicale delle pianta.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...